News

Editoria scolastica CNI: troppe «dipendenze»

Basta un copia-incolla redatto da qualche minimo intervento per scrivere un articolo e esaurire l’argomento manuali a Catalogo e relativi testi integrativi tradotti per le scuole della Comunità Nazionale Italiana (CNI) in Croazia? Il conto alla rovescia prima che squilli la campanella è già iniziato e sembra impossibile sbugiardare l’interrogativa iniziale.

L’editoria scolastica è una branca impegnativa che richiede molta attenzione, precisione e programmazione, si evolve con una dinamica variabile, spesso soggetta ad adeguarsi a fattori esterni a volte imprevedibili. Realizzare un manuale è un processo dinamico spezzettato, nel quale entrano in relazione persone e situazioni come possono essere i docenti con le loro esigenze, come altrettanto le modifiche legilastive ad opera del Ministero per l’istruzione che, a mano a mano che si presentano, possono essere motivo di riprogrammazione.

Catalogo della manualistica EDIT

Il Catalogo della manualistica EDIT appare sguarnito anche questo settembre d’inizio anno scolastico 2015/2016. Le riunioni e gli accordi intercorsi tra EDIT, dirigenti scolastici e Collegi Professionali Interregionali delle istituzioni scolastiche della CNI sembrano non aver prodotto alcun risultato. In realtà le cose stanno diversamente. Le istituzioni minoritarie fortunatamente mantengono tra loro aperti i canali di comunicazione, per cui persiste la possibilità di contare sulla collaborazione dei docenti delle scuole italiane dell’Istria e di Fiume, cioè i fruitori diretti, sia in veste di traduttori che come membri delle varie commissioni ministeriali per la valutazione linguistica.

Conformemente al curricolo disciplinare, nel corso degli ultimi mesi EDITlibri - settore dell’ente giornalistico-editoriale fiumano che si occupa dei libri di narrativa e della manualistica scolastica - ha lavorato su undici titoli nuovi tradotti dagli originali in lingua croata e li ha inoltrati alle competenti Commissioni ministeriali per la valutazione linguistica, come previsto dal “Regolamento sulla procedura di approvazione dei manuali e dei relativi testi integrativi, compendi per l’insegnamento nella lingua e nella scrittura delle minoranze nazionali”. Le Commissioni, a norma di legge composte da docenti delle scuole della CNI ai quali il MZOS ha affidato l’impegno (e che hanno sacrificato parte delle loro ferie), in queste prime settimane di settembre stanno per esprimersi. Sono attesi giudizi positivi, o quanto meno degli interventi correttivi di minore entità, e ciò spianerà l’accesso alla fase di stampa.

Le novità per la Scuola elementare

Agli alunni, ai docenti e ai genitori saranno disponibili titoli assenti da anni. Precisamente si potranno acquistare i libri e quaderni attivi di Geografia per la sesta, settima e ottava classe, rispettivamente “GEA 2”, “GEA 3” e “GEA 4”. Le nuove edizioni si aggiungeranno a Geografia di quinta “GEA 1” pubblicata nel 2013.

Dopo cinque anni di vuoto stanno per arrivare sui banchi di scuola “Chimica 7” e “Chimica 8” e “La fisica intorno a noi 7” e “La fisica intorno a noi 8” per la settima e l’ottava classe (manuale e quaderno attivo).

Saranno nuovi anche i manuali per l’insegnamento della Cultura figurativa: il libro di testo “Osservo, esprimo” per la quinta e sesta classe sono prossimi, in quanto attualmente in visione al Ministero, mentre ci sarà da attendere ancora qualche mese per quello di settima e ottava.

L’elenco delle novità per la scuola elementare sarebbe più completo se ci fossero i manuali per la Matematica di settima e ottava classe ad affiancare gli esistenti “Matematica 5” e “Matematica 6”. Il competente CPI ha inviato la Delibera delle preferenze con notevole ritardo e la traduzione dei testi non è ancora iniziata, complice il complesso iter amministrativo della casa editrice croata dell’originale.

Scuola media superiore

Sono in corso le traduzioni dei nuovi manuali per la prima classe di Matematica e Fisica per la terza classe. Assolvendo tutte le fasi di preparazione in tempo, si prevede siano pronti per l’anno scolastico 2016-2017. Il piano editoriale EDIT 2015 si completerà con l’avvio delle traduzioni di Biologia per la quarta classe e di Chimica per la terza.

Il piano editoriale 2015 pretende una gestione di diciassette manuali nuovi e tredici titoli in ristampa. Un lavoro che dal punto di vista finanziario ha costi elevatissimi, sostenuti in parte dal Ministero dell’istruzione, della scienza e dello sport della Croazia (MZOS), ma sostanzialmente si è avvalso del contributo finanziario del Ministero degli Affari Esteri della Repubblica Italiana (Legge n. 19/91) in applicazione delle Convenzioni stipulate tra il MAE e l’Unione Italiana.

Com’è prassi assodata, in attesa della realizzazione dei succitati testi i ragazzi potranno usare i sussidiari dall’Italia che vengono offerti in dono dall’UI- UPT.

(Da “La Voce del Popolo” del 3/9/2015)

 

Our website is protected by DMC Firewall!