News

News

Mauro Sambi per Loredana Bogliun finalista a Forlì

Gratificante esperienza letteraria per il connazionale Mauro Sambi: il suo pezzo introduttivo a „Graspi“ di Loredana Bogliun è entrata nella cinquina dei finalisti del Premio "Irene Ugolini Zoli", sezione riservata alla prefazione ad un libro di poesie del Premio Letterario Nazionale Città di Forlì. Risultato lusinghiero, vista anche la caratura degli altri partecipanti. Vincitore Dante Maffia per la prefazione a "Notte di Capodanno in ospedale" di Dacia Maraini (Edizioni Lepisma, Roma), 2° classificato Paola Del Zoppo per la prefazione a "Lettera su un altro continente" di Hilde Domin (Del Vecchio Editore, Bracciano), 3° classificato Maurizio Casagrande per la prefazione a "Trittico del distacco" di Pasquale Di Palmo (Passigli Editore, Bagno a Ripoli, Firenze).

La premiazione si svolgerà sabato 21 Maggio 2016 a Forlì nel Salone Comunale.

Il polese Mauro Sambi e la dignanese Loredana Bogliun sono presenti nella Collana EDIT „Altre lettere italiane“ con le raccolte di poesie rispettivamente „L'alloro di Pound“ e con le  poesie dialettali „Graspi/Grappoli“. Entrambi gli autori vantano lusinghieri riconoscimenti ai concorsi ai quali finora hanno partecipato.

Biblioteca civica, nuova piattaforma di dati

CAPODISTRIA | È stato presentato ieri, martedì, il nuovo Sistema bibliotecario della Comunità Nazionale italiana in Slovenia, realizzato sul programma CLAVIS, gestionale open source per biblioteche e reti bibliotecarie. “Si tratta di un nuovo strumento di lavoro, in sostituzione del vecchio e ormai obsoleto sistema CDS-ISIS, che gestisce e rappresenta il Catalogo collettivo delle biblioteche pubbliche, scolastiche e sociali della CNI”, ha rilevato in apertura Ivan Marković, responsabile del Settore italiano della Biblioteca civica “Srečko Vilhar”, promotore del progetto. La nuova piattaforma di dati è stata realizzata in collaborazione con il Consorzio culturale del Monfalconese e con la Biblioteca “GO” di Gorizia, che tramite Mauro Piano rispettivamente Miriam Scarabò, si sono fatti pure portatori dei corsi formativi per l’utilizzo del sistema destinato ai bibliotecari dei nostri enti. Nel catalogo virtuale, infatti, sono inglobate le biblioteche dei ginnasi “Gian Rinaldo Carli” di Capodistria e “Antonio Sema” di Pirano, della Scuola media “Pietro Coppo” di Isola e dei tre istituti elementari costieri, “Pier Paolo Vergerio il Vecchio” (Capodistria), “Dante Alighieri” (Isola) e “Vincenzo e Diego de Castro” (Pirano). Aderiscono inoltre le Comunità degli Italiani di Bertocchi, Crevatini e Capodistria, il “Salotto del libro – Infolibro” e il Settore italiano della “Vilhar”. Il motore di ricerca funziona in modo simile al sistema nazionale del “COBISS”, ma risulta più moderno e con maggiori possibilità operative da parte degli utenti. In calce alla presentazione, cui ha preso parte pure Iva Palmieri, Console generale d’Italia a Capodistria, è stato firmato il protocollo d’intesa tra l’ente bibliotecario capodistriano, rappresentato dal direttore David Runco, e il Consorzio di Monfalcone, con firmataria la Scarabò, finalizzato alla realizzazione di molteplici attività di promozione della lettura e del libro, di educazione alla ricerca dell’informazione e di apertura delle biblioteche scolastiche al territorio. Un progetto salutato con ottimismo e soddisfazione anche da Alberto Scheriani, vicesindaco di Capodistria e presidente della CAN costiera, che gli ha riconosciuto la capacità di porre la CNI in maggiore evidenza e visibilità. Positivo pure il commento di Fulvio Richter, presidente della CAN capodistriana, il quale ha anticipato che anche per quanto riguarda il “Salotto del Libro” in via Župančič, a breve saranno presentate delle interessanti novità. (jb)

Per rendere il linguaggio più ricco e appropriato

ZAGABRIA | In occasione del ciclo di incontri che la linguista Paola Tiberii terrà in Croazia con gli studenti e docenti di italianistica, abbiamo voluto presentare ai nostri lettori il suo “Dizionario delle collocazioni. Le combinazioni delle parole in italiano”, edito da Zanichelli (2012). Il volume verrà illustrato in tre città diverse e precisamente quest’oggi a Spalato, al Dipartimento di Italianistica della Facoltà di Lettere e Filosofia; domani l’autrice sarà a Zara, sempre al Dipartimento di Italianistica, mentre venerdì 18 marzo, l’evento verrà ospitato dall’Istituto Italiano di Cultura di Zagabria. Il Dizionario delle collocazioni, frutto di un lavoro decennale, è un valido strumento per destreggiarsi nello sterminato mondo delle parole, volto a coniugare l’approfondimento teorico e la praticità dell’uso.

 

 

Passione per la linguistica

 

Paola Tiberii, laureata al Dams, alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Bologna, è poliglotta e traduttrice. Lavora nel settore del management... artistico. Ed è stato proprio per la necessità di comunicare con realtà linguistiche tanto diverse che ha maturato l’interesse per il mondo delle parole e l’idea di un’opera pratica e utile anche per coloro che non sono di madrelingua italiana.

È una ricercatrice indipendente e si occupa di linguistica per passione e diletto. Il fenomeno delle collocazioni viene molto studiato a livello linguistico. Siccome non esisteva finora una pubblicazione sulla lingua italiana di questo genere, l’autrice ha ritenuto utile proporne una. “Ho intrapreso quest’avventura, che poi si è rivelata molto complessa e lunga, ma comunque affascinante perché mi ha dato modo di scoprire innumerevoli possibilità e particolarità che offre la lingua”, ha esordito Paola Tiberii, dando una spiegazione dettagliata del volume.

A differenza di un dizionario comune, il Dizionario delle collocazioni considera le parole non in base al loro significato ma alla loro capacità associativa, e si concentra esclusivamente sulle combinazioni dei termini, suggerendo le parole più adatte da accostare tra di loro. “Manifestare disagio”, “sconfitta bruciante”, “occasione mancata”, “seriamente preoccupato” e “chiudere la discussione”, sono soltanto alcune delle 200.000 collocazioni raccolte da Tiberii. Come è stato sottolineato da Fabio Rossi e Fabio Ruggiano in “Scrivere italiano. Dalla pratica alla teoria” (Carocci, 2013), “le collocazioni sono parte della lingua, soprattutto quotidiana. Esse favoriscono il passaggio di informazioni componendo i testi come mattoni prefabbricati che si uniscono tra loro”. Il Dizionario, oltre a pungolare la riflessione metalinguistica in studenti italiani e stranieri, docenti, appassionati di lingua italiana, è prima di tutto uno strumento di efficace consultazione.

 

Leggi tutto...

Nuovo Sistema bibliotecario della CNI in Slovenia


A Capodistria il 15 marzo alle ore 11 presso la Sala di lettura Fulvio Tomizza ( via Calegaria 22) , verrà presentato il nuovo Sistema bibliotecario della Comunità nazionale italiana in Slovenia. Il Sistema bibliotecario rappresenta il Catalogo collettivo delle biblioteche pubbliche, scolastiche e sociali della CNI in Slovenia. Il Sistema sarà gestito dalla Biblioteca centrale “Srečko Vilhar” di Capodistria. 

Omaggio alle donne ispirato da Tomizza


CAPODISTRIA| È accorso numeroso il pubblico, martedì a Palazzo Gravisi, alla serata “Donne: dove tornare…”, recital liberamente tratto dalle pagine di Fulvio Tomizza, con le letture e le interpretazioni di Jessica Acquavita e Rosanna Bubola. L’appuntamento è stato ideato dall’Associazione per le pari opportunità “POEM” e pensato come omaggio al femminile in ricorrenza della Giornata internazionale della donna. “È una dedica alle donne attraverso la parola scritta di Tomizza”, ha illustrato il filo conduttore della serata Isabella Flego. “Sappiamo, perché lo diceva lui, che esprimeva sé stesso attraverso i suoi personaggi femminili. Come ha affermato, non potremo mai capire né ringraziare abbastanza le donne per tutto quello che fanno. E quelle nate dalla sua penna sono veramente grandi, con le loro parole che rimangono sempre attuali”.

Leggi tutto...

Scoprire Mauro Sambi «l’artigiano» della poesia


Da “La Voce del Popolo” del 7 marzo 2016

di Arletta Fonio Grubiša

POLA | “Non era facile immaginare un nuovo tempo, un nuovo corso della sua poesia dopo un libro profondo e riassuntivo come ‘L’alloro di Pound’, un’opera già intensamente compiuta e matura, nella quale gli affluenti culturali e stilistici si fondono in un tutt’uno, di forte e riconoscibile identità. Eppure era parso inevitabile supporre che l’autore non si sarebbe arrestato su quella prova, perché nella sua vita la poesia è sovrana presenza (…) Sambi si traduce ora in una smagliante conferma, in un lavoro che asseconda e rafforza ciò che era già evidente ne ‘L’alloro di Pound’: la qualità dell’impianto ritmico, dell’impasto fonico-lessicale, delle nervature sintattiche... “, e via interpretando: sono soltanto alcune delle erudite considerazioni iniziali dell’intervento critico di Elis Deghenghi Olujić, docente di letteratura italiana all’Università degli Studi di Pola, che l’altra sera ha introdotto al numeroso pubblico della Comunità degli Italiani locale un graditissimo ospite e la sua ultima produzione letteraria.

Un omaggio alla sua città natale

Leggi tutto...

DMC Firewall is a Joomla Security extension!